Federazione DBN scuola Tuina, qi gong, alimentazione, I-Ching
Federazione DBN scuola Tuina, qi gong, alimentazione, I-Ching
Federazione DBN Discipline Bio Naturali
Federazione DBNDiscipline Bio Naturali

                  MEDICINA TRADIZIONALE CINESE

scuola tuina IOME: corso massaggio olistico tuina milano, qi gong, alimentazione, i Ching La vita è dualità, relatività, contraddizione.

CONCEZIONE GLOBALE DELL‘ UOMO 

 

La vita di un uomo è un cammino, sotto la guida degli shen; la malattia è un ostacolo che blocca od intralcia questo cammino: deve essere compreso e sciolto, non combattuto.

 

La vita è basata sul principio Yin -Yang ; è dualità, relatività, contraddizione. I due principi contrapposti coabitano : niente è Yin o Yang, ma tutto è Yin e Yang simultaneamente.

 

La vita corrisponde simbolicamente ad una dialettica tra ZHENG (ortodosso, giusto,
normale, conforme) e XIE (eterodosso,erroneo, nefasto, perverso) : la vita non è zheng o xie, ma zheng e xie.

Essi coabitano e si alternano, in ogni istante il nostro comportamento è giusto su
un piano e sbagliato su un altro : salute e malattia coabitano.

La malattia è normalità : ci ricorda, attraverso le xie, di riequilibrare continuamente zheng e xie nel nostro modo di vita.

 

Nel corpo lo zheng qi ( energia ortodossa, giusta, corretta, dell’individuo come
deve essere ) coabita con la xie ( energia perversa ); cioè la malattia e la salute coabitano. Il benessere dell’individuo dipende dal loro rapporto reciproco.

 

Su Wen cap. 1 : “ Si deve essere moderati nell’alimentazione e regolare le attività. Bisogna evitare il surmenage, risparmiare il deterioramento del corpo e dello spirito “...“ Ci si conforma al TAO “, alla via, all’ordine naturale della vita senza ostacolarlo.

Il segreto è in noi : la pace nel cuore.

 

Essere vivi significa avere un proprio fine individuale, anche non consciamente, e un proprio modo di procedere.

E’ il sentimento che ci orienta nella vita, che determina la prima scelta; poi verrà la ragione a sindacare e verificare la scelta fatta, che potrà essere confermata o messa in discussione.

 

Alla nascita lo yin e lo yang sono in equilibrio, poi durante la vita si consuma sopratutto lo yin, così che da vecchi sia ha poco yin con un eccesso relativo
di yang, anche se entrambi sono scarsi.

Tutti i sentimenti che permangono troppo a lungo, la delusione in particolare
consumano lo yin e fanno correre più rapidamente verso la vecchiaia.

 

             

 L’UOMO IN SE STESSO

 

In primo luogo occorre considerare l’uomo nei suoi rapporti con se stesso,
analizzando i rapporti reciproci tra ogni sua parte e le altre, i suoi ritmi
interni, e così via.

Niente è isolato e indipendente. Occorre considerare tutte le relazioni tra organi,
visceri, canali energetici principali e secondari, aperture di senso, orifizi, e così via. Sul piano diagnostico tutti i sintomi riportati da un paziente devono essere relazionati ad una alterazione energetica principale che fa riferimento ad uno o due meccanismi.

 

Bisogna tenere conto della costituzione e della tipologia di ogni individuo, delle abitudini, delle condizioni di vita, delle aggressioni esterne, della sessualità, delle aspirazioni, dell’evoluzione mentale e spirituale.

 

La costituzione è profonda, ereditata alla nascita e modificata nei primi periodi
della vita, rilevabile mediante l’osservazione della mano e la presa dei polsi.

La tipologia è un atteggiamento profondo, inconscio, dovuto a una reazione prolungata a situazioni ambientali; è legata alle condizioni di vita ed agli accadimenti.

 

L’UOMO ED IL SUO AMBIENTE 

 

L’uomo non può però essere considerato in modo avulso dal suo ambiente, che comprende molti aspetti, tra i quali :

  • Ambiente culturale, familiare, affettivo, professionale.
  • Condizioni climatiche.
  • 4 Stagioni, 5 Movimenti, 6 Energie, 10 Tronchi, 12 Rami.
  • Ore della giornata.
  • Localizzazione geografica.

 

“ L’uomo, microcosmo nel macrocosmo è solidale all’universo, è influenzato e retto dallo stesso ordine naturale “. L’uomo influisce, con il suo comportamento individuale e collettivo, sull’universo il quale a sua volta lo influenza ( es. analogia tra gli organi ed i pianeti).

 

Gentile concesione di IOME Milano